top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreNico Basket Femminile

LA BUTERA CLINIC NICO BASKET SI ACCENDE NELLA RIPRESA E FA SUA GARA 1



BUTERA CLINIC NICO BASKET – GREEN LE MURA SPRING LUCCA 73-59

 

BUTERA CLINIC = Nerini*5, Tongiorgi n.e, Salvestrini*7, Pini*17, Traore n.e, Mariani n.e, Montiani*10, Modini 2, De Luca 5, Bargiacchi n.e, Giglio Tos*22, Parodi 2.   All.Rastelli

 

GREEN LUCCA = Barberio n.e, Cerri, Tessaro*16, Pellegrini 6, Morettini 1, Rapè*8, Masini 3, Michelotti*8, Peri, Cherkaska*13, Fedorenko*4.   All.Biagi

 

NOTE : parziali (14-14) (34-29) (55-46) Fallo Antisportivo fischiato a Giglio Tos (Minuto 22’15’’) e a Michelotti (Minuto 36’39’’).  Fuori per 5 falli Michelotti (Minuto 36’39’’) Nerini (Minuto 38’40’’) e Cherkaska (Minuto 38’55’’)

 

Che partita! Come ampiamente pronosticato, le due squadre si sono date battaglia per quaranta minuti, dando vita a una contesa dal grande phatos. L’avvio è più che contratto per le ragazze della Butera Clinic Nico Basket, che non riesce a trovare con continuità la via del canestro. I tiri presi da Nerini & Co sono buoni, ma non riescono a trasformarsi nel risultato desiderato. Dall’altro lato c’è una coppia – che oltre la linea dei 6,75 – vede il canestro grande quanto una piscina: stiamo parlando di Rapè e Cherkaska, che dimostrano di avere, fin da subito, la mano calda. Le rosanero, pur non riuscendo a sfruttare l’enorme mole di iniziative in attacco, resta attaccata alla contesa, grazie a una Matilde Pini difficile da arginare nel pitturato. La partita è in perfetto equilibrio al suono della prima sirena – 14 pari – rispettando il pronostico della vigilia. Il secondo periodo si apre con il canestro della solita Cherkaska; alle scorribande delle ospiti, risponde prontamente la nostra Simona Giglio Tos con la prima bomba della partita (17-16). Le due squadre non si risparmiano e rispondono colpo su colpo, rendendo sempre più avvincente la contesa. Nella parte finale del secondo periodo, la Butera Clinic Nico Basket riesce a piazzare il primo vero break dell’incontro, grazie ai canestri di Alice Montiani (31-23); la reazione di Lucca non tarda ad arrivare e, al ridosso del suono della sirena, si riavvicina pericolosamente alle nostre ragazze. Al rientro dagli spogliatoi è Lucca a dettare legge. Un’ ispiratissima Tessaro (top scorer per le lucchesi con 16 punti) riagguanta la Nico a quota 36, facendo tremare i tifosi sugli spalti. È una bellissima partita, con l’ago della bilancia che ha difficoltà a pendere verso un preciso lato del campo. Le ospiti sembrano in grado di mettere a segno il colpo del Ko; però, sulla loro strada, si staglia la classica coppia “che scoppia” Giglio Tos-Montiani, che con una fiammata delle loro, porta in vantaggio le proprie compagne di squadra (50-42). È una festa, l’ultima parte del terzo periodo, alla quale vuole partecipare anche la nostra Carolina, che con una bomba siderale, firma il primo vantaggio in doppia cifra dell’incontro (53-42). Nell’ultimo periodo Lucca non ci sta e organizza più tentativi di rimonta; la truppa di Coach Rastelli , dal canto suo, non si fa minimamente intimorire, rispedendo al mittente ogni velleità, senza accontentarsi; grazie alle iniziative della giovanissima De Luca, supportata dalla bomba di Alice, scorrono i titoli di coda in favore della Butera Clinic Nico Basket, che tocca il massimo vantaggio (69-53) e chiude definitivamente questa gara uno. Lucca però è un osso duro e continua, con grande tenacia, a lottare su tutti i palloni e, grazie  alle iniziative di Pellegrini, si avvicina nel punteggio. 73-59 in favore delle nostre ragazze, dopo una partita, diventata degna di una gara 1 di semifinale grazie al contributo di tutte le giocatrici, sia nostre, che le avversarie. Mercoledì 10 Aprile, alle ore 20:30 al PalaTagliate, andrà in scena gara due, che si preannuncia ancora più avvincente, perché Lucca venderà cara la pelle, come ha sempre fatto dall’inizio della stagione e, per questo, le rosanero dovranno essere pronte a battagliare per altri quaranta minuti.

-“Sapevamo che sarebbe stata una partita difficile – commenta coach Rastelli – sapevamo dell’importanza degli episodi, che potevano svoltare la gara in qualsiasi momento; nel terzo periodo non si era messa bene, ma le ragazze hanno trovato la quadra giusta sulle ali dell’entusiasmo; abbiamo messo attenzione, soprattutto nella seconda parte, su palle vaganti, sui rimbalzi, su quel gioco sporco che poi è risultato decisivo; mi è piaciuta la costanza di concentrazione, perché nonostante qualche sbavatura, non siamo mai uscite dalla partita; in gara due mi aspetto un avversario che darà tutto, con grande voglia di rivalsa per provare ad allungare a gara tre; noi ci dovremo far trovare pronte, giocando con grande attenzione per tutti i quaranta minuti”.

 

…FORZA NICO!!!!

319 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page