Cerca
  • Nico Basket Femminile

Nico Basket – si presenta… Sofia Frustaci

A due settimane dall’inizio del campionato – esordio ostico a Bolzano – cominciamo a conoscere le nuove arrivate e partiamo da una giocatrice talentuosa e combattiva che conferma l’intenzione della società del Presidente Nerini di puntare sulle giovani.

Sofia Frustaci è alta 1,76 m, non ha ancora compiuto diciannove anni e ha fatto parte della squadra nazionale ai mondiali under 17 del 2018. Le ultime tre stagioni le ha trascorse a Costa Masnaga con ottimi risultati mentre in precedenza giocava a Mariano Comense. Il suo ruolo è quello di guardia ed è lei stessa a dichiarare: “Sono una giocatrice che predilige correre in contropiede, giocare una pallacanestro vivace e

frizzante e per questo definirei la corsa e la velocità come le mie caratteristiche principali, soprattutto nella fase offensiva. Mi reputo brava in contropiede, cerco di trasmettere velocità al gioco e magari rubare qualche canestro rapido. Gli aspetti in cui invece posso ancora migliorare sono l’attenzione e le letture difensive e poi devo arrivare ad avere un tiro affidabile sia da due punti che dalla lunga distanza.”

Tra i suoi idoli ci sono “Luka Doncic, Kyrie Irving ma soprattutto Kobe Bryant. L’ho sempre visto giocare con ammirazione ed è stato lui che mi ha fatto appassionare sempre di più a questo sport.

Da piccola giocavo a pallavolo ma non mi piaceva troppo. Su consiglio di mia nonna, anche lei giocatrice di pallacanestro, ho provato a fare alcuni allenamenti e da quel momento non ho più smesso.”

Il suo numero di maglia sarà il 19 ovvero “il numero che avevo undici anni fa, quando ho iniziato a giocare a pallacanestro. Avrei voluto il 7 ma era già stato preso da una mia compagna.”

Il suo ultimo pensiero riguarda le squadre che potrebbero impegnare duramente la Nico durante il torneo. “Sarà un campionato impegnativo e molto fisico. Le squadre che sulla carta sembrano più temibili sono Faenza e San Giovanni Valdarno ma attenzione a Patti perché potrebbe essere la rivelazione. In ogni caso non possiamo permetterci di sottovalutare nessuno.”


0 visualizzazioni